A “Game Bere” dell’antica Grecia: ti incoraggia a giocare?

Quando pensiamo all’antica Grecia, nel nostro anch’io La nostra mente trascorse le loro vite alle arti e alle scienze. Omero con i suoi versi, Pythagoras con il suo ipotenusa, sofocali con la sua tragedia o pericle con la sua prima concezione della democrazia.

guardiamo indietro e notiamo che nel 21 ° secolo non abbiamo più idee così estremamente trascendenti per l’umanità . Dopotutto, ora lavoriamo in un ufficio grigio che desidera che il weekend arrivino per dedicarlo alle nostre attività giocose: esci per prendere alcune canne, andare al cinema o organizzare una “bottiglia” a prezzi accessibili sono alcuni dei classici di classifica ogni fine settimana.

Ma non ci crediamo che nell’antica Grecia i grandi pensatori dedicero la loro vita a riflessioni pura e dura. Ai greci di empire il gomito è già piaciuto, e avevano finché il loro “gioco bevente”, così puoi sentirti meglio se lo scorso sabato hai lasciato la cena con i tuoi amici: rende più di un millennio era simile.

Il gioco greco per incoraggiare la festa – o, per essere più accurata, il tuo simposio o banchetto (“Assemblea” o “bevanda In comune “) – Era il” Ctabo “(” Kottabos “in Greco), praticato approssimativamente tra il 600 e il 300 aC A tutto il simposio, le tipiche libagioni sono state tenute in onore degli dei, e in particolare Dioniso, il dio dell’annata e il vino a cui, in un modo o nell’altro, continuiamo a venerare ora.

Durante quei simposi dei simposi , i greci sminumentati e molto. Uomini, giovani o anziani, incontrati al loro “Andrón” e sono stati intrattenuti con ballerini, cortigiani e fluttuano mentre bevuto vino e ha giocato il “ctabo”, che fondamentalmente consiste nel lanciare il vino al centro della stanza.

Un gruppo di ricercatori della West Chester University di Pennsilvania è stato interessato a questo gioco, e invece di spiegarlo ai loro studenti attraverso antiche e monotonati illustrazioni, Han determinato a prendere In pratica, il che è sempre più piacevole. “Ho pensato che potrebbe essere bello se potessimo farlo noi stessi”, ha spiegato Heather Sharpe (a sinistra), professore di storia dell’arte in questo centro.

Sharpe ha presentato il suo esperimento presso l’incontro annuale dell’Istituto Archeologico dell’America . Pochi giorni fa, insieme a pochi studenti armati con ‘Kílix’, alcuni peculiari occhiali da vino dotati di due manici e profondità superficialmente stampata in 3D. I greci erano molto originali, e in fondo alle loro bevande hanno usato per disegnare scene caricato di tono o ritratti dei propri viaggi che stavano correndo.

Ci sono due varianti per riprodurre il “CTABO”: In uno, l’obiettivo è di abbattere, con il fluido in eccesso dalla tazza, un disco equilibrato su un’asta di metallo situata nel centro della stanza. Nell’altra variante, i partecipanti devono affondare i piccoli piatti che galleggiano in un lanciatore d’acqua, muovendo la tazza che “frisbee” lanciare il vino.

Né pantaloncini né pigri, questi studenti partono da una stanza decorata per L’occasione sedette a panchine trapuntate e cominciarono a lanciare la bevanda (sebbene avessero usato il succo d’uva per evitare i fori. Per ottenere risultati migliori, sono venuti a legare gli occhiali sul dito. Heather Sharpe ha promesso dei suoi studenti: a l’ora del quarto, molti controllati alla tecnica.

Una delle conclusioni che arrivarono a THARPE è che il “CTABO” un gioco molto sporco. “Alla fine del nostro esperimento, avevamo gettato tutto il succo d’uva sul pavimento”, afferma questo insegnante. Tutti gli studenti sono finiti per colorati con il nettare dell’uva. Ai greci. Ha trascorso lo stesso Più di uno dopo una notte di Sprea al momento: entrambi pubblicizzati affatto.

Sai, il ‘farlo da solo’ può anche raggiungere le classi cultura classiche, in modo che ricordiamo la conoscenza migliore. E non solo: Quando vai ad organizzare la prossima festa a casa tua, puoi impressionare i tuoi commensali con questo “Game Bere retrò”. Naturalmente, pulire la tua casa il giorno successivo potrebbe non essere un compito così piacevole.

con informazioni da Live Science, Wikipedia e posta giornaliera. Le immagini di questo articolo sono di proprietà di Wikimedia Commons (1, 2 e 3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *