Ammortamento della perdita fiscale negli investimenti nel BMV

Riepilogo

Il termine di ammortamento della perdita fiscale degli investimenti (la raccolta delle perdite fiscali, in inglese) È una strategia di investimento praticamente sconosciuta in Messico, forse utilizzata solo nei circoli contabili.

La legislazione messicana consente di ridurre le perdite ai profitti sugli investimenti in borsa alla fine dell’anno fiscale. Mentre è un beneficio fiscale con null o poco valore a breve termine, la sua utilità è evidente nei portafogli con un orizzonte superiore a 5 anni.

Attualmente in Messico, non esiste un istituto finanziario che offre questo servizio Come parte dell’offerta, che richiede l’investitore un mantenimento continuo e attento del suo portafoglio per sfruttare questo vantaggio fiscale.

Qual è l’ammortamento / sostituzione della perdita fiscale?

Secondo Una definizione di martello (2013), l’ammortamento della perdita fiscale è quella di utilizzare le perdite effettuate negli investimenti per compensare la quantità imponibile di profitti in un periodo fiscale. In pratica, questo concetto consiste nella vendita di azioni o posizioni il cui valore è diminuito al di sotto del prezzo di acquisto e utilizzare il capitale ottenuto per l’acquisto di un altro strumento di investimento delle stesse caratteristiche, generando così una detrazione fiscale a favore della perdita registrata.

L’importante di questa strategia è che le posizioni vendute possono essere sostituite da un’altra azione altamente correlata al mercato azionario, che protegge il portafoglio di investimenti dei cambiamenti nella sua struttura e composizione. Inoltre, i risparmi in termini di tasse possono essere reinvestiti per produrre profitti futuri.

È necessario chiarire che l’ammortamento della perdita fiscale è una strategia per differire e riconciliare obblighi fiscali, ma non evitare o eliminarli Di conseguenza, questa strategia offre un valore poco o nullo in posizioni a breve termine (1 o 2 anni); Il suo valore aumenta come applicato a un orizzonte a lungo termine.

L’ammortamento della perdita fiscale in termini legali

ad avere un maggiore contesto e quadro giuridico di questa pratica, è necessario Fare riferimento a uno dei recenti modifiche fiscali nell’investimento del mercato azionario. L’articolo 129 della Gazzetta ufficiale della Federazione stabilisce quanto segue:

“Le persone fisiche saranno obbligate a pagare l’imposta sul reddito, il cui pagamento sarà considerato come Una finale, applicando il tasso del 10% ai guadagni ottenuti nell’esercizio “.

Perdite perdite L’articolo indica:

“Quando i contribuenti generano la perdita nell’esercizio da parte delle alienazioni o delle operazioni di cui alla presente sezione, possono ridurre questa perdita esclusivamente contro la quantità del guadagno come nel loro caso ottenere lo stesso contribuente nell’anno o nei prossimi dieci per le alienazioni o le operazioni di cui al primo comma del presente articolo. L’importo da diminuire dalle perdite di cui al presente paragrafo non può superare la quantità di detti profitti.

Per gli effetti del paragrafo precedente, le perdite saranno aggiornate per il periodo dal mese in cui essi si è verificato e fino al mese di chiudere lo stesso esercizio. La parte delle perdite che non è ridotta in un esercizio verrà aggiornato dal periodo dal mese dell’anno dell’anno in cui è stato aggiornato l’ultima volta e fino all’ultimo mese dell’esercizio immediato prima di ciò in cui sarà diminuito.

Quando il contribuente non diminuisce la perdita fiscale durante un esercizio, e potrebbe averlo fatto secondo questo articolo, perderà il diritto di farlo negli esercizi successivi e anche per l’importo in quale avrebbe potuto farlo. “/p>

Dalla precedente, otteniamo che:

  • guadagni netti per la liquidazione della vendita della partecipazione del 10%.
  • Le perdite di investimento possono essere ridotte dall’utilità fiscale durante i prossimi dieci esercizi (fino a esaurimento), aggiornando il suo valore a casa uno.
  • è necessario Per segnalare la perdita nello stesso avvocato di esercizi in cui è stato fatto, altrimenti l’investitore avrebbe perso e Diritto a questa vendita di tasse.

Ammortamento della perdita fiscale nel breve e lungo termine

Scenario 1 | A breve termine (perdita eseguita nello stesso esercizio in cui è stato segnalato)

Supponiamo che un investitore faccia all’acquisto di una (1) azione A ad un prezzo di $ 100.000. Dopo 6 mesi, l’azione cade il 10% e vende la sua posizione a $ 90.000. L’investitore procede per acquistare l’azione B a $ 45.000 ottenendo così due unità con la capitale proveniente dalla vendita. Alla fine dell’anno, B è aumentato a $ 50.000 per azione e l’investitore decide di vendere, eseguendo un utile netto di $ 10.000.In questo caso, l’ammortamento della perdita fiscale è nullo: i $ 10.000 segnalati come perdita di un equilibrio con i $ 10.000 segnalati come guadagno di b.

Scenario 2 | A lungo termine (perso eseguito al momento del portafoglio di liquidazione)

Ricordiamo che l’investitore rende l’acquisto di una (1) azione A ad un prezzo di $ 100.000, lo vende a $ 90.000 dopo 6 Mesi e termina l’anno fiscale con due azioni B valutate a $ 50.000 sul mercato. Questa volta l’investitore non liquida il suo portafoglio, con conseguente tale perdita fiscale netta di $ 10.000 che è riportata nello stesso esercizio ma la sua esecuzione è differita alla fine dell’orizzonte di investimento (anno 5).

Alla fine dell’anno 1, il portafoglio è valutato a $ 101.000, tenendo conto della valutazione di B ($ 100.000) e il reinvestimento dei risparmi fiscali ($ 1.000), che viene calcolato come $ 10.000 (dai guadagni) x 10% del tasso delle imposte sulle azioni. (Nota: è considerato un risparmio fiscale poiché il portafoglio non è risolto, quindi non vi è alcun guadagno da tassare).

Nell’anno 2, il portafoglio è apprezzato dell’8%, registrando un valore di $ 109.080. Il terzo anno, una nuova perdita del 5,5% causa il valore del portafoglio di diminuire a $ 103.081. Questa volta la perdita non è registrata con l’autorità fiscale, dal momento che il continuo investimento attivo e senza liquidare.

L’anno seguente (4), il mercato rimane stabile e il portafoglio mantiene il suo valore.

Infine, nell’anno 5, l’azione è apprezzata il 4% e l’investitore decide di liquidare il portafoglio, quindi deve segnalare tasse per un utile netto di $ 4.909 ($ 107,204 della vendita di azioni B – $ 102,295 Del costo aggiornato acquisizione di azioni dal 1 ° giugno all’anno 5 del giugno all’anno 5).

è in questo anno fiscale in cui le perdite registrate nell’anno 1 sono ammortizzate, con un valore aggiornato di $ 11,848. Ciò si traduce in un flusso negativo di – $ 6.939, che può utilizzare l’investitore per ammortalizzare altri guadagni effettuati nello stesso anno o nei prossimi cinque anni, come segni legislativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *