Camera di commercio ispanica cercherà che le sue aziende sono i motorici economici USA

El Puerto Rican Ignacio Veloz Arroyo assume oggi Presidenza della Camera di commercio ispanica degli Stati Uniti. (USHCC) con l’obiettivo di convertire le 3,2 milioni di aziende che riuniscono il motore dell’economia del paese nordamericano.

“Gli ispanici saremo il motore dell’economia statunitense. “Ha detto a Efe con Veloz Arroyo Convidenza in un’intervista dalla città americana di Salt Lake City (Utah), dove viene celebrata la Conferenza annuale dell’organizzazione.

Veloz Arroyo sottolineato che ha anche una priorità che le aziende che raggruppano l’Associazione ispanica lasciano i confini degli Stati Uniti. E metti il loro punto di vista, principalmente nei paesi più sorprendenti dell’America Latina.

AD

“Visitiamo In breve, un paese della regione per realizzare quell’obiettivo, “disse il nuovo presidente dell’Organizzazione ispanica, dopo aver sottolineato che il destino verrà da Panama, Colombia o Messico.

Il gestore sfumato, anche La Spagna potrebbe essere la destinazione della missione commerciale dell’USHCC, sebbene la sua posizione geografica non corrisponda all’area latinoamericana.

“Io ci aiuterà i mercanti ispanici”, ha detto questo 43- Uno anziano, proprietario dell’azienda in servizio, che opera da Guaynabo, area locale della capitale Puerto Rican.

Veloz Arroyo accede alla posizione dopo l’accumulo di esperienza nell’organizzazione nell’ambito del suo Consiglio di Amministrazione (Consiglio di Amministrazione) e presieduto sulla regione 6, che comprende gli stati della Georgia, Tennessee, Alabama, Mississippi, Florida, Carolina del Nord, Carolina del Sud e Porto Rico.

Secondo la tua opinione, gli ispanici stanno acquistando ca Un maggiore peso nell’economia degli Stati Uniti e il suo ruolo sarà fondamentale per il futuro degli Stati Uniti.

“Il peso economico degli ispanici conferma la rilevanza che stanno acquistando negli Stati Uniti, in quanto poteva vedere nelle ultime elezioni , in cui Barack Obama ha vinto grazie ai latini “, ha detto il nuovo numero uno dell’USHCC.

AD

L’organizzazione che condurrà nei prossimi 12 mesi è supportata da una rete di 200 piccole camere commerciali ispaniche distribuite in tutta la geografia degli Stati Uniti.

“Voglio contribuire a idee per migliorare l’economia degli ispanici”, ha detto , dopo aver affermato che l’USHCC è il “Best Trampolino” per le aziende latine che vivono negli Stati Uniti. Raggiungono il successo.

Secondo la tua opinione che il successo è più probabile che sia raggiungibile se lo scambio commerciale di I partner dell’Organizzazione aumentano, specialmente in America Latina.

“I nostri partner hanno la loro origine nei paesi in quella regione e conoscono la loro cultura e il modo di fare affari, quindi è molto più facile raggiungere accordi”, ha detto.

Fast Arroyo sostituisce Javier Palomarez, che la passerà il testimone alla Convenzione annuale dell’organizzazione che viene celebrata tra oggi e domani a Salt Lake City.

L’uomo d’affari dei Caraibi è il secondo Puerto Rican nel raggiungere quella responsabilità dopo Elliott Rivera , chi era il presidente dell’USHCC a metà degli anni ’90.

ad

Secondo i dati dell’organizzazione stessa, Le aziende dell’HCCC degli Stati Uniti contribuiscono all’economia del paese ogni anno con oltre 450.000 milioni di dollari.

La convenzione annuale USHCC ha la partecipazione di 7.000 persone, incluso il leader democratico della Camera dei Rappresentanti, Nancy Pelosi; Il direttore della piccola amministrazione aziendale (SBA), Maria Contrerassweet e il Segretario di alloggio e lo sviluppo urbano, Julián Castro.

L’organizzazione garantisce aver preso la sua convenzione annuale a Utah per sostenere gli ispanici di uno stato in Il 15% della sua popolazione ha radici in America Latina e operando più di 10.000 aziende guidate dai latinos.

ad

L’USHCC, fondato nel 1979, ha obiettivi fondamentali per sostenere le aziende latiere, migliorare le loro relazioni con il resto delle società statunitensi, promuovere il commercio internazionale e dare supporto tecnico ai loro partner.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *