Cecchini Rosell Luis (Italiano)


Che cos’è la prostatectomia radicale lapica?

La prostatectomia radicale di Laparoscopic è la tecnica chirurgica che consente la rimozione con criteri oncologici della ghiandola prostatica nel caso di un cancro alla prostata.

viene eseguito utilizzando 4 o 5 tubi (trocarici). La procedura consiste nella separazione della prostata dai suoi organi vicini (la vescica dell’urina e dell’uretra) per essere in grado di rimuoverlo. Successivamente, la ricostruzione della tranche urinaria è accurata, collegando la vescica urinaria all’uretra. Questa anastomosi richiede un grande dominio della tecnica di sutura laparoscopica in modo che sia perfettamente a tenuta stagna.

L’energia elettrica bipolare e le clip emostatiche viene solitamente utilizzata.

può essere fatto attraverso un transerotoneo o extrapertoneale approccio. La tecnica iniziale è stata descritta da un approccio tradizionale, diafano e una guida facile, anche se la tendenza oggi sembra favorire il cambiamento al percorso extraperitoneale. Quest’ultimo approccio è un accesso più rapido (riduzione del tempo chirurgico), offre uno spazio di lavoro più stretto (che può ostacolare alcuni movimenti) e non invadere la cavità addominale (evitando i rischi che questo suppone).

nei casi in cui è fattibile, le travi neurovascolari responsabili dell’erezione possono essere preservate, ottenendo risultati migliori nel recupero di questa funzione.

Il solito tempo chirurgico di questo intervento è di circa due ore.

Durante Il periodo postoperatorio, è necessario mantenere una sonda della vescica, che può essere rimossa una settimana dall’intervento.

Quali vantaggi La prostatectomia radicale ha laparoscopico?

il vantaggio principale di La chirurgia laparoscopica è la visione. L’ingrandimento dell’immagine consente di perfezionare e precisi molto più movimenti chirurgici, realizzati con grande trascendenza soprattutto in chirurgia oncologica.

L’approccio laparoscopico evita l’incisione, quindi il recupero per la vita normale è molto veloce.

il tempo chirurgico più lungo della sala operatoria rispetto alla tecnica classica ritorna in un recupero più facile e un reddito più breve.

Bleeding operativo è solitamente ridotto al minimo in modo che la trasfusione del sangue non sia necessaria.

Quando possono essere conservati i nervi ermeti?

Il coinvolgimento dell’erezione è uno dei problemi del trattamento del cancro alla prostata. Quando il caso lo consente, uno o due raggi neurovascolari possono essere preservati, con una maggiore probabilità (vicino al 50%) del recupero dell’erezione. La chirurgia laparoscopica, con l’ingrandimento dell’immagine, consente un approccio accurato a queste travi per la sua conservazione quando possibile. La prima intenzione del trattamento chirurgico è la guarigione della malattia, lasciando i deficit funzionali che possono verificarsi nel secondo termine. È per questo motivo che ogni caso dovrebbe essere valutato in particolare per l’intervento chirurgico e durante lo stesso atto chirurgico. A dubbio del dubbio del dubbio di non essere in grado di garantire un intervento chirurgico corretto dal punto di vista oncologico, è ottimabile per la rimozione delle travi neurovascolari.

In quali casi può essere influenzata la continenza dell’urina?

Quasi tutti i pazienti dopo una prostatactomia radicale laparoscopica di prostatectomia di esperienza per un buon controllo della minzione.

La maggior parte dei casi ha incontinenza associata allo sforzo che viene gradualmente risolto in un periodo di settimane. Una piccola percentuale di pazienti (meno del 5%) può avere difficoltà a ottenere un perfetto controllo delle urine a lungo termine. Questi casi possono presentare incontinenza urinaria che li colpisce nella loro vita quotidiana.

Il fatto che la continenza urinaria è influenzata non dipende esclusivamente dal tipo di tecnica chirurgica che viene utilizzata ma anche dell’anatomia dello sfintere urinario. Ecco perché qualsiasi tecnica di rimozione della prostata ha il rischio di ferire lo sfintere. L’intervento laparoscopico tenta di ridurre al minimo questo rischio che preserva la lunghezza massima dell’uretra.

Alcuni casi possono presentare problemi di ritenzione urinaria una volta che la sonda associata all’infiammazione della sutura che viene risolta spontaneamente in pochi giorni. P Igienico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *