Chiesa Nostra Signora della Misericordia

Nel dicembre 1875, arriva al porto di Buenos Aires, dall’Italia, dalle prime sorelle, figlie della Madonna della Misericordia . Papa Pio IX gli aveva raccomandato: “Perché se vuoi fare qualcosa di buono di quei paesi (riferendosi in America) è necessario prendersi cura dell’istruzione della gioventù”. Questo ordine li accompagnerà nell’adempimento dei loro obiettivi, ispirato agli atteggiamenti di: Guida, fornendo, difendendo, amando e dando vita.

Buenos Aires, in quel momento, fu sostituito dalle epidemie di Febbre Giallo e rabbia, con molte esigenze sociali e spirituali. Il quartiere che li riceve per sviluppare la loro attività è fiori, posto separato dai quinti. Erano famosi Lynch Garay all’angolo tra José Bonifacio e Lautaro. Anche Villagenio de la Familia Moresco nell’Ochava de Curapaligüe e José Bonifacio. La Quinta de Marcó del Pont davanti alla stazione dei fiori della ferrovia di Sarmiento (convertita oggi in un centro culturale segnato dal Pont). Oltre al Moyosa, nella Apple di Directory, Lautaro, Bilbao e Camacuá.

Proprio, di fronte a quest’ultimo, nell’angolo della tangenziale (directory) e del colon (Camacuá), il Mariano Ascensore a rulli, nel 1872, l’oratorio dell’Annunciazione con una scuola annessa. L’Atenenden Adriana Lupo de Sarracán accanto ad altre signore. Il suddemenzionato sacerdote, che aveva anche partecipato alla conversione spirituale dei popoli indigeni della Pampa, leggi i suoi beni, morendo, in modo che il lavoro continuerà.

Le figlie della Madonna della Misericordia e del suo Lavoro

Una delle prime attività delle sorelle era stata il compito di assistenza in un dispensario, attualmente ospedaliero Álvarez, situato a San Eduardo (Arananguren) e Independencia (Bolivia). Consapevole della presenza di religiosi, un vicino li chiama di assumere la scuola che portava il nome dell’oratorio adiacy.

anni dopo l’oratorio è esteso e compreso su Camacuá la stessa estensione che lo è attuale Chiesa. Il suo altare maggiore è stato dedicato all’Annunciazione. Con un’immagine di legno della Vergine e l’Arcangel Gabriel. Si trovava nell’altare attuale sulla destra. Vi è lettura nel marmo “Verbum Caro Factum Est” (il verbo divenne carne). Inoltre, dal 1873, c’era un’immagine spagnola della Vergine. Ha posseduto la faccia e le mani di porcellana, vestite in velluto e pizzo. È attualmente in Il salone di catechesi. Una scala della lumaca è salita al coro verso lo sfondo dell’Oratorio.

Un muro di mattoni a circa tre metri di alto separato l’oratorio, dal Vereed di Camacuá. Il suo interno ha riparato il gelsomino del paese e Honeysuckle che profumava la strada stretta che servì a piedi da sorelle e studenti.

United intorno a Nostra Signora della Misericordia

La scuola, la cappella e la piazza integrano una trilogia dove la storia di uno di I paesaggi più tradizionali e accattivanti di Buenos Aires.

Mi smesso di osservare la vecchia fonte, magnolie e Arauc Arias e quello spazio vuoto in una delle loro dissetti in cui penso di vedere ancora il Moyosa Casona

jorge arturo olmos, nativo del luogo. Nel tempo, la necessità di demolire e ricostruire, nel 1935, il tempio dell’Annunciazione costruendo la corrente in stile neo-gotico.

Le famiglie degli studenti della scuola hanno collaborato in molti modi. Così, il bellissimo vetro colorato, la produzione austriaca, che illustrare diversi momenti della vita della Vergine potrebbe essere offerta. Inoltre, con la rosetta della parte anteriore, che ricorda il Notre Dame de Paris. Inoltre, una scultura spagnola del Cristo sulla croce, il bassorilievo dell’ultima cena. Aggiunto al Commulgatorio e alle banche, alle porte, al pulpito e al portico dell’ingresso. Nel 1948 è installato un organo speciale per tubi, (sono più di centottanta), doppia tastiera e pedalografica, un camminatore originale dalla Germania. Infine, nel 1965, con la riforma nella liturgia della massa, il nuovo altare è eretto.

merita chiarimenti speciali Il cancello del Sagrio. Le famiglie hanno contribuito bene che, sciolte e, nelle mani degli orafi, ha specificato un design in cui “JHS” è letto (Gesù Cristo Salvatore) e “Venite Alemus” (Venire adoriamo).

Benedizione

Il 10 novembre 1937 il cardinale di Buenos Aires, Santiago Luis Copello, la benedetta. L’allora futuro presidente della nazione, Roberto M. Ortiz e sua moglie hanno fatto il padrino. Ha partecipato, il corpo degli insegnanti, tutti gli studenti e le loro famiglie, amici, vicini e benefattori. Il coro degli studenti ha accompagnato la celebrazione eucaristica.

Nel quotidiano La pressa dell’11 dicembre 1937, è letto:

“è stato eseguito ieri la benedizione e l’apertura della nuova cappella dell’Annunciazione … coltivata concorrenza tra Coloro che erano sacerdoti di varie parrocchie, autorità della congregazione dei religiosi che conducono la suddetta istituzione di altri collegi che sono anche responsabili delle sorelle della misericordia, degli ospiti speciali e dei fedeli in generale. Il cardinale viola Santiago Luis Copello è stato accompagnato da Il Tribunale delle Parrocchie di San José de Flores, Pbro. Luis Labenne, e Santa Clara Pbro. Juan Stillo, dal cappellano della scuola PBro. Pedro Besser e altri sacerdoti … Dopo la cerimonia, il cardinale Primado ha insegnato la benedizione Con il Santo Blessetto … Domani, alle otto ci sarà una giornata eucaristica con la massa detenuta dal Pbro. Juan José O’Toole “

Da allora, la cappella e la scuola unificata con lui no MRRE di Nostra Signora della Misericordia.

Nella città di Buenos Aires, a dieci giorni dopo il mese dell’anno del Signore del Signore di Millenovecento E trenta e sette, il cardinale molto e il reverendo il cardinale Arcivescovo Primate dell’Argentina, il Dr. Santiago Luis Copello ha benedetto la cappella dell’Annunciazione ricostruita dalle figlie della Madonna della Misericordia, con l’assistenza della Guada.

Santiago Cardenal Copello

Nell’agosto del 1943, l’altare più alto della cappella dell’Annunciazione, dedicata alla Beata Vergine della Misericordia, comprese le stesse reliquie dei Martiri Santos Alejandro, Genaro e Severino, e quello di Santa María Josefa Rossello.

Confronto

mi piace:

mi piace caricando …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *