Commento di Saint John 3: 1-17

1) Era notte quando Nicodemo andò a visitare il Gesù che nel Vangelo secondo San Giovanni presenta come “la luce del mondo” (8.12).

Il fatto che fosse notte non solo indica il periodo di tempo in cui ha fatto la sua visita a Gesù, ma la mancanza di chiarezza e confusione sulle cose di Dio che lo avrebbe portato a Resort a Gesù e al carattere segreto e sovversivo che aveva il fatto che ha fatto ricorso a Gesù. Farlo alla luce del giorno avrebbe potuto essere molto pericoloso.
2) in un sermone predicato a Luther Seminary il 5 ottobre 2011 , il pastore della chiesa battista Ebenezer di Atlanta Raphael Warnock ci ha detto che Nicodemus era un prestigioso magistrato ebraico che ha deciso di chiedere un consiglio al giovane rabbi accogliente nella rivolta che era Gesù (secondo la cronologia di questo vangelo, Gesù aveva eseguito il Purificazione del tempio poco prima dell’incontro con Nicodemo) e che per i prossimi mali provenivano da Nazareth, Galilea, de Do NDE è stato considerato che nessuna buona cosa potrebbe uscire (Gv 1.46 e 7,52). Sembrerebbe che Nicodemo si ritirò dalla presenza di Gesù senza dire addio dopo che Gesù lo getterà in faccia la sua ignoranza (versetto 10), ma Nicodemo ha due aspetti successive che qualche effetto aveva la conversazione con Gesù. In un certo momento, dimostrando che aveva superato la paura di essere confusa con un discepolo di Gesù, teneva davanti ai sacerdoti Sumoni e ai farisei che Gesù meritava di essere ascoltato (Gv 7.51) e dopo la morte di Gesù ha aiutato José de Arimata Abbassa il corpo della croce e per dare sepoltura dovuta (Gv 19.38-42). 3) Nicodemus non sapeva come andare a Gesù. Chiamandolo un insegnante e riconoscendo che nessuno poteva realizzare segni come il suo senza il sostegno di Dio (Versetto 2), sembrerebbe che abbia cercato di coinvolgere un dialogo gentile e disteso, sperando di imparare da Gesù e fidarsi di che Gesù potesse imparare da lui. Ma un dialogo di queste caratteristiche richiedeva una distanza dalla questione in questione che è impossibile stabilire quando si tratta delle cose di Dio. È ciò che Gesù gli ha dato di capire quando senza ringraziare la cortesia di Nicodemo, disse (Versetto 3) che nessuno poteva vedere il regno di Dio a meno che non sia nato da alto o di nuovo (il greco originale può significare entrambi). 4) il Sorpresa che ha causato la risposta brusca di Nicodemus Gesù al suo complimento condursò a fingere che il messaggio di Gesù si adattasse alla sua idea preconcetta di ciò che era possibile o impossibile per Dio o su Dio. Ecco perché ha chiesto come è nata una vecchia (versetto 4) e come potrebbe essere che ciò nato dallo Spirito fuori come il vento (Verse 9).
5) Mentre Gesù ha messo in dubbio le domande di Nicodemo per riflettere un Nicodemo per riflettere un Nicodemo per riflettere un Valutazione eccessiva della propria capacità di determinare ciò che è stato possibile rispetto a Dio, non disturba le domande. A differenza di. Alla presenza di Gesù possiamo fare tutte le domande e ammettere tutti i nostri dubbi. Dio diventa solo un problema bruciore e esistenziale quando ci rendiamo conto che non abbiamo la vita acquistata o il controllo di ciò che accade né in qualsiasi motivo per assumere un atteggiamento autocompaciente.1
6) ha detto che il pastore avvertito nel sermone ha detto che le Chiese e I cristiani hanno sbagliato erroneamente che rappresentiamo Gesù, mentre il mondo è Nicodemo, o che Gesù è il cristiano e il Nicodemus un ebreo, sebbene Gesù vivesse e morì come ebreo. O che Gesù è il religioso mentre Nicodemo è un peccatore. Ma Nicodemo è noi, ha detto Pastor Warnock. Nicodemo è la persona religiosa con tutte le credenziali. Nicodemo è il veterano religioso che rappresenta la religione istituzionalizzata della classe leader. E Gesù è l’eretonico religioso che diceva “Devi rinascere” ci ha interpacciato dal margine a coloro che hanno troppa fiducia in noi o crediamo che li conosciamo già tutti. Questo è, tu e io, che abbiamo un Idea ben formata di ciò che è possibile per Dio e che a volte non vogliamo nemmeno sentire le domande che ci rendono dall’esterno, siamo chiamati ad essere nati di nuovo o alto.
7) Ha senso collegarsi La nuova nascita di acqua e spirito propone che Gesù propone (riferendosi a Ezechiele 36.25-27, un testo della stessa tradizione dei quali Nicodemo e dei Pharisei erano diventati guardiani) con il battesimo, soprattutto se appartenessimo a una chiesa che pratica il battesimo dell’asilo. Il battesimo è una nuova nascita di acqua e lo spirito in cui il bambino è reso il figlio di Dio e lo Spirito Santo è dato con il perdono dei peccati e della vita eterna, senza essere consapevoli né puoi apprezzare ciò che accade o schizzo di un sorriso o Dì “Grazie”. Puoi solo inviare a cosa succede e fidati che non può essere una brutta cosa.Ricordando il battesimo dei nostri figli Oggi quando siamo già adulti è accettare che il favore di Dio è un dono che ci unisce congiuntamente con tutti gli altri, e in particolare con gli emarginati, esclusi, infelici, persi, condannati, che si chiedono se fino alla signorina Dio ha girato le spalle su di loro. 8) Dobbiamo riconoscere che molte volte non vogliamo cambiare. Per consentirci di realizzare la grandezza della conversione a cui Gesù ci chiama, Herzog propone che in un contesto per lo più bianco, nato nuovamente significano il nero. E secondo il contesto potrebbe anche significare diventare una donna, aborigena o gay, o un membro di qualsiasi gruppo oppresso.2 La vita cristiana inizia quando eliminiamo i privilegi della nostra posizione e ci identifichiamo con i più piccoli fratelli e sorelle con le quali Gesù identificato per primo.

1frederick herzog, la teologia della liberazione: liberazione alla luce del quarto Vangelo (New York: The Seabury Press, 1972), 2.
2op. Cit., 61-67.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *