Il giorno Larry Bird ha deciso che sarebbe stato mancino

Sergi Pérezbarcelonedactor

Aggiornato al 15/02/2017 17:16

ieri 31 anni fa (sì, siamo arrivati tardi per un ‘round’ ‘per un effermeride) di una delle azioni più particolari nella storia della NBA. Quello conosciuto come “gioco mancini” di Larry Bird.

Il 14 febbraio 1986, i Boston Celtics arrivarono al Memoriale di Portland’s Colliseum per affrontare i Blazer di Clyde Cressler, Terry Porter, Jerome Kersey, Kiki Vandewewe e Sam Bowie.

Nonostante non sia in grado di avere Kevin MChale nelle ultime 9 partite, i Celtics erano stati in grado di vincere 14 dei loro ultimi 15 riunioni e condotto comodamente la conferenza orientale (39-9).

Finora, i fatti empiricamente dimostrabili. D’ora in poi, come ogni buona storia sopravvissuta nel corso degli anni, la realtà inizia a mescolare con la leggenda.

i cronicori del tempo che, mezzo semi-battute serio, Larry Bird ha commentato la stampa, dopo aver vinto la sera prima a Seattle (35 punti, 15 rimbalzi e 11 Assist West Baden), che le ultime partiti erano “troppo facili e persino qualcosa di noioso”, ha deciso di imporre una sfida a se stesso: nel prossimo incontro, avrebbe lanciato con la mano sinistra tutti i suoi scatti vicino o all’interno dell’area.

Molti erano Preso questo commento / sfida come un semplice “esitante” del leader dei celtics, chiuso destrimano e con un meccanismo di colpo molto profilato verso il suo lato buono, ma tutto è cambiato non appena il lutto è strappato contro i blazer.

Bird firmato, ancora una volta, una performance sensazionale, con un “triplo doppio” incluso (47 punti, 14 rimbalzi e 11 assist, con 21 su 34 in colpi di campo), ma la cosa più notevole era che 22 di questi punti (Quasi la metà) prese loro, come aveva già vaticinato … con la sua mano sinistra!

Grazie alla sua altezza (2.06), e in un ottimo gioco sulla schiena, Larry è buone riuscì a sfruttare il suo accoppiamento con grondaia inferiore e molti dei suoi cesti erano vassoi semplici vicino al cerchio.

Come nota curiosa, notando che ha anche segnato il cestino della vittoria del suo team a Portland (119-120), anche se quel cestino lo ha raggiunto buttandolo con la sua solita mano destra. Domanda di dogana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *