Il problema dell’obesità in tempi del capitalismo tardo: dall’economia neoliberale alle politiche pubbliche collaborative basate su “Good Living”

Analisi filosofica del nostro problema: obesità nel tardo capitalismo e le sue implicazioni per il costruzione di politiche pubbliche basate su “Good Living”

Dai lo stesso greco, il compito filosofico era pienamente politico. E non ci riferiamo solo ai due grandi filosofi classici: Platone e Aristotele (che il suo lavoro su Il politico, il corpo e la contingenza del suo tempo sono totalmente evidenti), ma dal presocratico è abbastanza chiaro che la questione della polis era centrale nella sua ricerca, idee e vita pratica (filosofia come qualcosa di tipico della teoria è molto tardi) . È pensato che è stato incardinato nella polis e da ciò è stato progettato da tutti. E questo è ciò che è dimenticato oggi; a quanto pare ci sono alcune politiche pubbliche che non sono destinate dal pers Onas, ma da altri interessi per soggettivi nella precarietà. Ed è il lavoro di entrambi i filosofi che gli educatori di rendere visibili questo problema e ciò che dovrebbe essere fatto per correggerlo il prima possibile.

La filosofia va dalla mano della politica. E questo oggi è diventato qualcosa di fondamentale, in cui è in gioco ciò che sta accadendo a livello sociale e ciò che verrà. Non è lo stesso avere un alto giovane obeso o non averlo fatto, ciò che viene dato ci sono diversi modelli di società e, soprattutto, diversi modi di attivare il mondo: uno punta verso un’economia del consumismo e l’altro verso A Economia collaborativa, per esempio. Ma di cosa si tratta è capire che “per mano” tra politiche pubbliche e filosofia. Ecco tutto è giocato. Quella “mano” indica una certa articolazione tra loro. E quell’articolazione è il “metodo che stiamo proponendo” per indagare attorno al “Good Living”, dalla soggettività alla società, dall’ideologia prevalente: il capitalismo tardivo.

Nel metodo possiamo realizzare ed esprimere la cosa . In qualche modo, tali o ciò che è permesso modellare, e a volte il suo essere dipende da esso. E per parlare oggi riguardo al politico è necessario consegnare un metodo. Il metodo Hegelian ci consente di studiare ciò che accade con la politica pubblica, ciò che lo ha caratterizzato e come può essere progettato nel prossimo futuro per generare un “bene vivente” e fermare l’avanzata dell’obesità.

Come è È possibile “leggere” l’obesità oggi? Perché Hegel ci consente di vedere e interpretare il complesso fenomeno dell’oggetto, della società, della politica e della compagnia? (Vitelello, 2012) Perché Hegel ci consente di indagare in questo articolo sulla politica pubblica? Perché Hegel in tempi di capitalismo selvatico, modelli di business, quantificazione scientifica e parametri di uscita esacerbati? In che modo Hegel è la chiave per capire dove la compagnia dovrebbe andare oggi, non solo per il Cile ma nel mondo? Alla fine quando vedi i dati che abbiamo sottolineato, ciò che accade in Cile non è altro che Atomismo soggettivo5 (Hegel, 2011, Marx, Engels, 2000), come avrebbe detto Hegel, cioè, narcisismo e talvolta chi può! Tempi di lupi divorando altri lupi (Espinoza, 2012) per ciò che ha il punto dell’Impero attuale del Leviathan del tardo capitalismo? Qual è il più gentile quando tutto è diventato uno strumento di misurazione e siamo intrappolati ad una certa regola che le norme e ci dicono cosa fare e cosa aspettarci quando la scienza, a volte, non pensa, non credere, ma semplicemente calcola dentro una regola consolidata, all’interno di una determinata ideologia? Questo è il problema dell’ideologia che ci struttura in tutte le aree della realtà e, pertanto, anche nel settore; E la compagnia di alimentazione per bambini e adolescenti dell’età scolastica è un’area molto appropriata per generare rapidamente grandi profitti. Ciò che è necessario è che mangiano cibo spazzatura (ricco di zucchero e sale) e quindi fare meno esercizio fisico. Ma abbiamo dimenticato che la stessa regola è stata creata mediante la storia della gente e il suo sviluppo tecnico e che, quindi, non è “in sé”, né meno cadere dal cielo o donato da qualche Dio, ma prodotto per il pubblico politiche stesse, ad esempio, lo stesso modello di business in Cile è stato prodotto come tale dalla Hacienda in poi. Non è una “società stessa” (che sempre, no, in altri luoghi la compagnia alimentare lavora insieme alla sua società), che è sempre stato così e si muove in modo storico. Questo è, piatto, falso e dobbiamo lasciarlo chiarire in questo articolo.Nel tempo “corrente” in cui siamo e siamo, a quanto pare non abbiamo alcuna “ora” per vivere, ma semplicemente “su-Live” nella violenta matrice del consumismo totale che ci circonda, ancorato al punto di questo ora che è presentato Semplicemente come tutto ciò che dà il significato alle persone (catturato il tempo “volgare” dell’orologio, mentre Heidegger avrebbe detto nelle ultime pagine di Sein und Zeit del 1927) (Heidegger, 1977); Times del semplice “presentismo”, che Jameson a volte chiama “frammentazione” o “presente perpetuo”: “Ciò che chiamiamo” frammentazione “si riferisce … a questo presente perpetuo” (Jameson, 2010, P 55). Questa è la precarietà.

Apparentemente, per alcune parti interessate che credono in un Simplón Francis Fukuyama e nella fine della storia e dell’ultimo uomo, dal 19926 (Fukuyama, 2010, P.11), in cui il Neoliberale il modello è già realtà stesso, con il suo significato totale (l’orizzonte della presenza del “capitalista” che dà significato a tutte le cose), e non c’è nulla che possa essere previsto o riconciliato (perché non c’è un futuro o un futuro, ma un semplice immediato presente, eterno e necessario del consumismo selvaggio) o in una versione più letteraria al Cormac McCarthy e alla sua straordinaria strada, 20067 (Cormac, 2009, p.13), in cui estremo cannibalismo del consumismo radicale, tutto lo porta al massimo dell’essere umano; in cui la produzione culturale lascia il posto semplicemente a “cannibalismo” l’uno contro l’altro per sopravvivere (e questo inizia da figlio e con cibo precario), quindi se sì, non è più possibile uscire dal “tempo” di Questo orizzonte temporale presente in cui siamo e vivi MOS legata: l’essere nella loro immediatezza indeterminata, come avrebbe detto Hegel al suo Wissenschaft Der Logik (la scienza della logica), 5 lavori naturalizzanti come regola che ci misurano, ci costituiscono e noi ideologia9 (Espinoza, 2016). Questo è il motivo per cui molti credono che nulla possa essere fatto con il capitalismo e, alla fine, con il problema che ci riguarda, quello dell’obesità. È così che sarà sempre così; E che i bambini e i giovani continueranno a mangiare ciò che mangiano, e la compagnia continuerà a presentarsi tutto questo prima della vista dell’intera società perché è legalmente permesso e non infliggono la legge, ma questo non è come quello. Deve essere legiferato da un altro modo di comprendere l’essere umano. Bene, se no, il giovane è stato perso per sempre; Cerca da questo momento di essere semplicemente “animale” o detto in un modo antico, una forza di produzione. Nietzsche scrive questa idea in modo brillantemente nella sua giovinezza e mostra come i soggetti a lungo per essere animali e in questo essere sempre legato al semplice presente di il suo essere:

Osserva il gregge che diventa lodato. Non so cosa sia ieri o che cosa è oggi; correre da qui, mangiare, mangiare, Riposa e corre di nuovo, e così dalla mattina fino a notte, un giorno e un altro, immediatamente collegato ai loro piaceri e dolori, inchiodati al momento presente, senza dimostrare o malinconia o noia. L’uomo osserva con lo spettacolo triste, perché era lui considera la bestia maggiore, e, tuttavia, invidia la sua felicità. Questo è ciò che vorrebbe: non sentirsi, come la bestia, il disgusto o la sofferenza, eppure lo vuole in un altro modo, perché non può volere la bestia ( Nietzsche, 1932, P.73)

Questo è Che SA Essere la “Istituzione capitalista sicuro” che dà significato e presenza ai soggetti (e che “territorialia” al loro inconscio) (Deleuze; Guattari, 2000), sa che l’essere umano vuole essere semplice animale ed è per questo che lega il presente del lavoro, lo sfruttamento e il consumismo; Lui lo lega a quell’incidente immediato di mangiare “spazzatura” in modo i-riflessivo o, in un altro modo, si tiene eternamente non smettere di godersi quel “merda”. Questo è sempre consumato e, allo stesso tempo, lavorando per avere i mezzi per consumare. Il suo mandato è: gode di! … Slavoj Žižek ha lavorato in dettaglio durante il suo lavoro. Diremmo: mangiare! Il soggetto si consuma, dal momento che un bambino, come una semplice bestia, per non sentirsi, tra le altre cose, a se stessa in tutta la sua dimensionalità storico-vitale-produttiva; Questo è, nel suo libero essere. Per non sentire una nuova concezione “eco-nomica”, in modo da non provare una nuova “casa” dove vivere che non è più semplicemente unilaterale e sfruttamento l’uno dell’altro; A volte le scienze contemporanee fanno parte di questo modello impoverito: di questa “ideologia” neoliberista che cerca sempre di riprodurre. Un’ideologia ontologita che è articolata con quella con la stessa realtà. Dice giustamente Jameson:

Lo stesso accade con il tentativo di separare l’ideologia e la realtà: l’ideologia del mercato non è, purtroppo, un ornamento di lusso o supplementare, ideazione o rappresentante, che può essere estratta dal problema economico e inviato allora A un ottimo otturato culturale o superstrutturale in modo che gli specialisti lo secchi. (Jameson Apud Zizek, 2003, p.309)

è necessario un altro modo di articolazione che complesse la realtà in e da solo nelle sue pieghe multiple, ma che lo esprime da qualche sviluppo che è Rilasciare l’intero sistema di quella schiavitù ideologica ai bisogni intrappolati all’immediatezza del tempo e al risultato concreto. L’idea è per una certa emancipazione “di” l’empirico “in” l’empirico stesso nello sviluppo di tutto. Questa è la compagnia che vogliamo per il Cile. È necessaria la mediazione, cioè la “formazione culturale” (Bildung) in modo che l’essere umano che sia poco a poco può alzarsi su se stesso, del suo empirico, animale, solo presente presente a cui è soggetto. Cile ha bisogno di politiche pubbliche da un sociale , modello collaborativo e umanista per fermare l’obesità infantile, una fonte di mali multipli nell’immediato futuro di una società alienata. Ecco perché Hegel, dalla fenomenologia dello Spirito, e anche prima, sapevo sempre che il Bildung era fondamentale, il Mediazione per eccellenza, per essere in grado di aprire l’essere umano a qualcosa di meglio, sopra l’immediato ed empirico in ciò che è intrappolato:

formazione culturale, che funziona Per strappare dalla immessibilità della vita sostanziale, acquisirà sempre la conoscenza dei principi e dei punti di vista universali, quindi solo per alzarsi laboriosamente fino al pensiero della cosa come tale, oltre a sostenerlo o confutarlo Con i fondamenti, cattura la pienezza ricca e calcestruzzo per le sue determinazioni e sapere come fornire informazioni appropriate e un giudizio serio su di esso. (Hegel, 1971, p 59)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *