Joseph Conrad (Italiano)

Joseph Conrad (3 dicembre 1857 – 3 agosto 1924) Novelist. È nato a Berdyców, in Impero russo. Il suo nome di Pile è Teodor Józef Konrad Korzeniowski, ma quando si assume la nazionalità britannica ha adottato il nome per il quale era conosciuto fino alla sua morte. Suo padre era un nobile polacco che si è dedicato all’attività letteraria e traducendo opere di Shakespeare e Víctor Hugo, divenne anche parte del movimento nazionalista polacco con cui ha sofferto una condanna per il lavoro costretto in Siberia. Morì quando Joseph aveva solo undici anni, per la sua sfortuna di sua madre era anche morta anni fa a causa di una tubercolosi, ed è per questo che sono sotto la tutela della nonna e dello zio di suo padre nella città di Lvov.

Quando aveva 17 anni, stanco della routine della scuola, viaggiava in Italia e poi Marsiglia dove ha finito per giocare come marinaio sul veterinario Mont Blanc. Quell’esperienza era la chiave della sua vita perché ha generato in lui una passione, che non ha mai lasciato: dalle barche, per l’avventura, per i viaggi, e per il mondo marino. Durante i suoi anni in mare, ha incontrato il Mar dei Caraibi, anche grazie al suo sostegno per le truppe carlist godeva di alcuni favori e condotto attività illegittime, come il contrabbando di braccia. Aveva anche una penalità amorevole che lo ha portato a pensare al suicidio.

Nel 1878, se ne andò come membro dell’equipaggio su cabotage barche in basse e porte di newcastle in Inghilterra, nonostante la sua conoscenza del linguaggio null inglese, da evitare Essendo reclutato dall’esercito zarista, nel suo tempo libero ha avuto l’opportunità di leggere le opere di Shakespeare, che gli ha permesso quando aveva 21 anni un’ampia maestria in lingua inglese, la lingua ha scritto tutto il suo lavoro.

Due anni dopo ha approvato l’esame che gli ha reso il secondo ufficiale della Marina mercantile, e sei anni dopo ha raggiunto il grado di capitano, quindi ha navigato per dieci anni, in particolare dai mari del sud, l’arcipelago malese, Africa E il fiume Congo, esperienze che si riflettebbero nel suo lavoro più vicino. Per questo periodo ha mantenuto una relazione con Jessie George che in seguito è diventata sua moglie.

Conrad ha iniziato a scrivere nel 1889, il suo primo lavoro è stata la follia di Almayer pubblicata nel 1895, mentre lavorava al suo lavoro continuò a navigazione, attività che ha abbandonato un anno prima di pubblicare il suo lavoro. Sebbene il lavoro abbia avuto un successo timido, il suo lavoro più ammirato è stata la possibilità (1912), più di 13.000 copie sono state vendute in due anni, a differenza di molte opere di altri autori è nel tempo diventava più famoso. È chiaro che la maggior parte delle sue storie ha una vita da sfondo nel mare e viaggiare in porti da diverse parti del mondo, il suo stile non è una letteratura di viaggio in senso stretto.

Semplicemente è un argomento per sviluppare conflitti umani tra il bene e il male, lo scenario in cui le sue ossessioni e, in particolare, la loro solitudine, la loro escissione e la sradicatura generata da essere discendenti da una famiglia polacca che ha subito l’oppressione e dopo essere stato esiliato queste situazioni contrassegnate personaggio. Tra il periodo della follia di Almayer e Chance, altri romanzi, memorie Libri e racconti emerse.

Lord Jim (1900) si distingue, un marinaio che soffre dal suo giovinezza cowardwood in un naufragio; Nostromo (1904), considerato da molti come la loro migliore creazione; L’agente segreto (1907), sotto lo sguardo dell’ovest (1911), ha come sfondo la Russia dello zarista; Victoria (1915), e infine la linea dell’ombra (1917), la narrazione apertamente autobiografica sulla sua esperienza come Capitano a bordo di Otago.

Nella categoria di storie possiamo menzionare il cuore dell’oscurità, pubblicato sotto forma di Un libro nel 1902. Senza dubbio è il più famoso, finito ed enigmatico di tutti i suoi romanzi, poi è stato preso da Francis Ford Coppola

per rendere il film Apocalypse ora! Era uno scrittore che preferisco non interferire molto tra il cerchio degli scrittori del suo tempo, sebbene abbia creato relazioni piacevoli con alcuni importanti scrittori del suo tempo come Henry James o H. G. Wells, e ha anche scritto diversi romanzi con Ford Madox Ford.

Successivamente, il suo lavoro ha iniziato a essere riconosciuto sempre più, esercitando un forte afflusso in letteratura, sia inglese che internazionale. Sviluppo di uno stile particolare in cui ha creato quasi un linguaggio unico e rapidamente identificabile. Il romanzo Nostromo (1904), è considerato da molti critici come suo capolavoro. D’altra parte, il suo romanzo più popolare era Lord Jim (1900). Altre opere dei suoi sono: il nero di Narciso (1897), l’agente segreto (1907), sotto lo sguardo dell’Occidente (1911) e Victoria (1915). Il suo lavoro letterario ha concluso alcuni anni prima della sua morte il 3 agosto 1924 a Canterbury, quando era vittima di un infarto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *