Kandinsky e il potere nascosto della palette

bilbao, 19/19/2020

quattro anni fa erano Soddisfatti di 150 anni della nascita di Kandinsky e Centrocentro presentarono una retrospettiva del pittore a Madrid, esaminando l’evoluzione delle sue tele nel suo passaggio da Monaco (1896-1914), Russia (1921-1921), scuola Bauhaus (1921-1933) e Parigi (1933-1944). Quella mostra era intitolata completamente di opere dal centro di Parigi Pompidou; Ora è nel museo Guggenheim Bilbao che riveda la traiettoria dell’autore dello spirituale dell’arte dei fondi della Guggenheim New York Foundation.

Devi ricordare che la tua figura è strettamente insieme alla storia di questo Fondazione, creata nel 1937, che ha 150 pezzi. Già nel 1929 il settore industriale e fondatore del museo, Solomon R. Guggenheim, cominciò a raccogliere le sue opere e un anno dopo lo sapeva al Bauhaus di Dessau.

A partire da domani possiamo contemplare a Bilbao Dipinti e lavori su carta da cui è stato un precursore di astrazione ed estetico teorico, determinato a liberare la sua disciplina dai suoi potenti collegamenti storici con la natura e trasformandolo nella scena del dispiegamento dei bisogni interni dell’artista, l’interesse Lo accompagnò per tutta la tua carriera.

Kandinsky. Linee nere, 1913. Museo di Salomone R. Guggenheim, New York, Solomon R. Guggenheim Foundation Collection
Kandinsky. Linee nere, 1913. Museo di Solomon R. Guggenheim, New York, Solomon R. Guggenheim Collezione di fondazione

Kandinsky è nato a Mosca, all’interno di una famiglia sensibile a Mosca, all’interno di Mosca Arte e musica, e ha studiato legge ed economia prima di lavorare in una firma di arti grafiche e trasferirsi a Monaco, già con l’intenzione di dedicarsi alla creazione e all’ammiratore di impressionismo e wagner. La sua primissima produzione è stata intrisa di ricordi del vostro paese, sotto forma di mobili da vivere e votivi colorati, storicismo romantico e anche poesia lirica, folclore e fantasia.

da Monaco ha viaggiato attraverso tutta l’Africa europea e del Nord e lì Creato paesaggi bavaresi pieni di colore, con elementi di incisione, come una potente delineazione di forme o appiattimento. Questi sono opere note notemente avanzate per quanto riguarda le loro precedenti prove neo-espressioniste.

Verso il 1909, il suo stile era già fermo fino a quando l’espressionismo e andò via, su quello stesso percorso, dei suoi precedenti riferimenti naturali a favore delle scene apocalittiche Cavalli e cavalieri, motivi già soliti nel loro lavoro prima, divennero simboli del loro distanziamento dei valori estetici passati e del loro desiderio per ottenere una società più spirituale lungo la via dell’arte: colore, della linea e della forma .

Kandinsky. Paesaggio con un camino in fabbrica, 1910. Museo di Solomon R. Guggenheim, New York, Solomone R. Guggenheim Collezione Fondazione
Kandinsky. Paesaggio con un camino in fabbrica, 1910. Museo di Solomon R. Guggenheim, New York, Solomon R. Guggenheim Fondazione Collezione

a Monaco sarebbe testa Kandinsky del Principali gruppi d’avanguardia in città, tra cui La Falange e la nuova associazione di artisti di Monaco; Lì avrebbe scritto il suddetto trattato dello spirituale dell’arte e della fondazione, insieme a Franz Marc, il cavaliere Blue, la società degli autori degli autori da esplorare (ed esplodere) le possibilità espressive del colore e degli echi simbolici delle forme. Nel 1913, sia la linea che il cromatismo erano già questioni essenziali, anche se continuerà a rappresentare alberi, torri, colline o, naturalmente, cavalieri e cavalli. La figurazione stava perdendo corpo a favore di forme ritmiche e contorni calligrafici: stava cominciando a formulare quello che ha chiamato il potere nascosto della tavolozza.

Kandinsky Improvvisazione 28 (seconda versione), 1912. Museo di Solomon R. Guggenheim, New York, Solomone R. Guggenheim Foundation Collection
Kandinsky. Improvvisazione 28 (seconda versione), 1912. Museo di Solomon R. Guggenheim, New York, Solomon R. Guggenheim Collezione di fondazione

Dopo l’irruzione della guerra I Mondo, Kandinsky è stato obbligato a lasciare la Germania e il ritorno a Mosca, dove l’avanguardia russa era già entrata nelle possibilità della geometria come base per il linguaggio estetico che potrebbe essere universale. Percepì il pittore, tuttavia, che il suo approccio bersaglio aveva difficoltà a adattarsi alla ricerca personale (e soggettiva) per la spiritualità che aveva intrapreso.

È tornato in Germania nel 1922 e lì ha iniziato a dare lezioni al Bauhaus di Gropius, un ambiente favorevole alla sua convinzione nel potere trasformante dell’arte sia a livello individuale che collettivo. A scuola ha continuato a indagare a Kandinsky sulla corrispondenza tra colori e forme e negli effetti psicologici di questi, senza abbandonare alcune geometrie che, per influenza russa, ha lavorato a piani sovrapposti. Non si fidava, tuttavia, nel meccanismo costruttivista né nella fingeced purezza del suprematismo: il suo terreno era forma astratta con contenuti espressivi e intimi. Era solo quando è diventato interessato alla sua pittura Guggenheim, che lo ha visitato, come stavamo avanzando, a Dessau nel 1930 e acquisito, tra le altre parti, Composizione 8 (1923).

Fino al 1933 il pittore continuerebbe ad offrire lezioni nel Bauhaus; Quello era l’anno della sua chiusura a causa della pressione del regime nazista.

Kandinsky. Composizione 8, 1923. Museo di Solomon R. Guggenheim, New York, Solomon R. Guggenheim Fondazione Collezione
Kandinsky. Composizione 8, 1923. Museo Guggenheim Solomon R. Guggenheim, New York, Solomon R. Guggenheim Foundation Collezione
Kandinsky. Diversi cerchi, 1926. Museo di Salomone R. Guggenheim, New York, Solomon R. Guggenheim Foundation Collection
Kandinsky. Diversi cerchi, 1926. Museo di Solomon R. Guggenheim, New York, Solomon R. Guggenheim Foundation Collection

L’ultimo decennio della tua vita Kandinsky è avvenuto a Parigi, Nel quartiere Neuilly-sur-Seine. È stato un palcoscenico molto prolifico, nonostante l’instabilità politica e le difficoltà economiche: ha vissuto con i materiali, le sue tonalità furono rese più morbide e forme, biomorfi. Sarebbe intorno al 1934 quando introdusse nel suo lavoro il biologico (prima che avesse raccolto esemplari e enciclopedie scientifiche preziose); Le sue intricate composizioni di quel periodo hanno a che fare con il surrealismo, con ARP e guardarono e soprattutto con le scienze naturali, dato il suo fascino con botanica e zoologia.

elementi sintetizzati delle sue grandi fasi nei dipinti su dipinti su dipinti scala, con fondi di radice espressionista scuro che bevono anche dalle loro immagini ispirate dalla Russia.

La seconda guerra mondiale avrebbe portato la confisca del loro lavoro da parte delle autorità tedesche, data la loro considerazione degenerata dell’Arte, e il pittore no Non vedere né la fine del concorso né la sua restituzione critica, perché è morto nel 1944.

Kandinsky. Striped, 1934. Museo di Solomon R. Guggenheim, New York, Solomon R. Guggenheim Fondazione Collezione
Kandinsky. Striped, 1934. Museo di Solomon R. Guggenheim, New York, Solomon R. Guggenheim Fondazione Collezione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *