Lactobezoar: una recensione clinica

Il termine bezoar viene utilizzato per descrivere una massa compatta di materiale estraneo in qualsiasi parte del tratto gastrointestinale. Classificato in base alla sua composizione: capelli, materiale vegetale o coagulazioni del latte non-digerito. Quest’ultimo gruppo è quello che chiama lactobezoars e si trova quasi esclusivamente sui bambini. È stato descritto per la prima volta da Lobo e Bruce nel 1959.

Lo scopo di questo lavoro è quello di illustrare l’ampia gamma di presentazioni e diete associate alla formazione di Bezoar nell’infanzia. Possibili eziologie, metodi di diagnosi e trattamento sono stati esaminati per disperdere l’idea che i lactobezoari si trovino solo nei bambini pretermine alimentati formule ad alta densità.

Eziologia:

dalla prima descrizione di Lobo e Bruce nel 1959, che assunsevano una massa di latte non digerito probabilmente correlato alla formula preparata inadeguatamente preparata.
Si supponeva che la concentrazione di latte avrebbe dovuto una modifica nella digestione e nella formazione del successivo bezoar. Successivamente, altri autori hanno riportato risultati simili supportando questa teoria. Persistita fino all’introduzione di formule ad alta calorie progettate per i bambini pretermine durante gli anni settanta. Diversi autori hanno riportato lactobezoars in neonati di peso della nascita molto basso e coloro che hanno utilizzato formule caloriche ad alta densità. Schreiner et al. Hanno puntato a l

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *