Legge della scienza e della tecnologia

Editorial

La legge sulla scienza e la tecnologia

Javier Eslava-Schmalbach, MD, MSC, PhD.1, Ricardo Navarro – Vargas, MD2.

1 Università nazionale della Colombia, Bogotá. Associate Professor Director Institute for Clinical Research Facoltà di Medicina Corrispondenza: [email protected]
26a National of Colombia, Bogotá Associate Professor Unità di anestesiologia Dipartimento di chirurgia Facoltà di medicina Corrispondenza: [email protected]> Ricerca articolato con il compito di una nazione, conduce a raggiungere rapidamente lo sviluppo scientifico e tecnologico e posizionato tra il meglio del mondo. Questo è il motivo per cui i paesi sviluppati destinati tra l’1,5 e il 3,9% del loro prodotto interno lordo per la ricerca e lo sviluppo, consentendo loro di eseguire progetti strategici che aumentano la produttività o hanno un impatto sui miglioramenti della loro qualità della vita (1). Paesi come la Cina, il Giappone, alcuni d’Europa e recentemente Corea, hanno basato la loro espansione e il loro posizionamento politico nell’investimento nella ricerca scientifica e tecnologica.

Nel caso opposto, un paese che non indaga e non indaga e non indaga Nella sua tecnologia è condannata a continuare a dipendere dagli sviluppi degli altri, pagando i prezzi elevati che l’acquisizione di queste nuove tecnologie ha.

La Colombia è un paese che adotta rapidamente tecnologie e questo ti fa pagare troppo il costo Coinvolto nella sua acquisizione, gran parte del quale è assunta in primo grado come spesa privata, da società o persone. In questo modo le migliori aziende e le persone posizionate e le persone con un reddito migliore sono quelle che beneficiano prima di nuove tecnologie, comportamenti indogni dal punto di vista socio-economico.

La nuova scienza, tecnologia e diritto dell’innovazione, mira a articolare precisamente il settore produttivo con il settore accademico (società universitaria) in modo che una sinergia possa essere presa che permette a questo paese di lasciare il suo stato di consumatore cronico di tecnologie e ricerche sviluppate da altri, per essere un paese che generano Buono di tutti, nel consolidamento di una nuova società ed economia basata sulla conoscenza (articolo 7, numero 4) (2).

Inoltre, la legge cerca di promuovere nuove generazioni di “ricercatori, imprenditori, tecnologici e sviluppatori innovativi “(articolo 3, numero 6), dall’istruzione media, tecnica e superiore (2).

Sebbene in questo processo il paese abbia già raggiunto alcuni risultati, è Il sistema operativo di ciò che gli altri attori della regione fanno il Messico o il Brasile e gli anni della luce di ciò che fanno molti dei paesi sviluppati.

Sebbene non sia categoricamente esplicito con questa legge che aumenta la disponibilità di risorse per la ricerca, Non agli stessi livelli che hanno sviluppato i paesi, ma probabilmente meglio di quanto non fosse destinato negli ultimi anni. Tuttavia, l’interrogatorio ad esso è nella vera efficienza di queste risorse nella generazione di prodotti scientifici, tecnologici e innovazione, come previsto con questa legge.

Questionamenti visti dalle leggi precedenti, come la promozione del bilinguismo e calcolo di scuole e discussioni sulla copertura reale in termini di qualità e patrimonio netto nei risultati di 16 anni dopo l’attuazione della legge 100 (3, 4), rendere la legge dubita del vero impatto della tecnologia scientifica e dell’innovazione. Sarà che in realtà sarà data entità territoriali al compito di proteggere le risorse della corruzione, l’amiguismo e la politica e finanzeranno i progetti che alla fine generano un maggiore impatto sociale su questa innovazione e la generazione di conoscenze?

Il direttore del nuovo Dipartimento amministrativo della tecnologia scientifica e l’innovazione sarà dato al compito di sviluppare la sua gestione attorno ai risultati in materia di innovazione, tecnologia e prodotti con conoscenza che queste risorse darà, invece di informare solo come le risorse sono stati assegnati, come richiesto dalla legge (articolo 25)?

allo stato in primo grado e all’università come organo di formazione scientifica per eccellenza, spetta a loro come uno dei suoi innumerevoli compiti e Responsabilità, trasformare la società da Academia, Scienze e Culture. La formazione dei professionisti a tutti i livelli scientifici e tecnologici, da studenti universitari al livello di dottorato come l’essenza dei ricercatori, dovrebbe essere un continuum con il supporto e l’accompagnamento permanente dello stato.

lo stato oltre a promulgare questa legge, valutare e controllare il ruolo delle istituzioni che generano ricerche, devono creare spazi per la crescita personale dei ricercatori, in modo che all’interno del nostro paese questi laureati debbano svolgere radici , Pensare, lavorare, produrre, prosperità e contribuendo al benessere generale della nazione e che la tendenza migratoria del cervello di Fugados che è stato assunto negli ultimi anni (5).

A partire dalla ricerca del risultato e Indicatori non di assegnazione, nella gestione di questo nuovo dipartimento amministrativo e delle sue entità territoriali, in un reale aumentando la disponibilità delle risorse; Bruciando questo capitale dei suddetti problemi e proteggendo la Comunità di ricercatori, imprenditori, sviluppatori tecnologici e innovativi per evitare perdite, probabilmente questa legge raggiungerà parte dei risultati dell’impatto sociale che è previsto.

Un grande ruolo Adatto alla società privata, senza la quale non sarà possibile effettuare questa simbiosi della società universitaria e da cui dovrebbero essere previsti risorse per rafforzare questo sistema di scienza, tecnologia e innovazione.

Un bilancio coerente con le esigenze di Uno stato che vuole lasciare la povertà assoluta e una politica di istruzione e di ricerca supportata con l’uso efficiente di queste risorse, promettono di dare l’impatto sociale previsto. In caso contrario, questa legge sarà lettera morta.

Riferimenti

1. BANCA MONDIALE. 1978-2008 Rapporto di sviluppo mondiale: con indicatori di sviluppo mondiale selezionati 2007 .. CD-ROM INDICATO OMNIBUS ED. Washington, D.C.: Banca mondiale; 2008.

2. Legge 1286 del 2009 (23 gennaio) “Con la quale la legge 29 del 1990 è modificata, si trasforma in un dipartimento amministrativo, il sistema nazionale, la tecnologia e il sistema di innovazione in Colombia è rafforzato e vengono rilasciate altre disposizioni” (2009).

3. SLAVA-SCHMALBACH J, BARON G, GAITÁN-DUARTE H, ALFONSO H, AGUDELO C, SÁNCHEZ C. Valutazione dell’impatto dei costi-equity del sistema sanitario in Colombia 1998-2005. Rivista di salute pubblica. 2008; 10: 3-17.

4. Repubblica di Colombia. Legge 100 del 1993, “con cui viene creato il sistema di sicurezza sociale globale e altre disposizioni sono dettate.” Diario ufficiale. 1993 23 dicembre.

5. Zulleta E. La responsabilità sociale dell’intellettuale. Nell’istruzione e nella democrazia. Un campo di combattimento. Seconda edizione, Fundación Estanislao Zuleta, Cali Ottobre 1995: 80, 91

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *