Luis x, re di Francia e io di navarra (1289-1316).

cronologiabiografia

re di Francia e Navarra, chiamato Il figlio testardo, figlio di Felipe IV, e Juana I di Navarra, nato a Parigi il 4 ottobre 1289 e morì in Vincennes il 5 giugno 1316.

EN 1305, alla morte di sua madre, il Navarras chiese a Felipe IV di dare Luis come re, a cui il monarca francese consisesì. Quello stesso anno ha adottato i titoli francesi di sua madre, conta di Champagne e Brie. Con la sua figura ha iniziato il regno della casa della Francia a Navarra. Nel 1307 fu incoronato a Pamplona come Luis I di Navarra. La sua politica immediata consisteva in imprigionamento e estinzione dei nobili navarrers e circondandosi dai consulenti francesi della loro fiducia. Rimase a Navarra fino al 1314, la data in cui suo padre è morto, quindi ha dovuto viaggiare a Parigi per essere incoronato come re della Francia. Tra la morte di Felipe IV e l’arrivo di Luis a Parigi, il trono della Francia era occupato dal reggente Carlos de Valois, zio di Luis.

È arrivato a Parigi, ha incontrato un regno immerso nel Caos e il cattivo governo: i chierici hanno pagato tasse elevate che li hanno fatti cadere sul popolo normale; I nobili dovevano sopportare il terribile peso delle leggi delle leggi del Sumptuary, che ancora una volta si trasferirono nei loro servi; E infine, la situazione del popolo era assolutamente disperata, dal momento che le accuse precedenti sono state aggiunte da sole. Per tutti questi motivi, la rivolta generale è esplosa a Luis, tutte le proprietà sono state sollevate contro il potere effettivo e il peso eccessivo delle tasse. Luis VIII, consigliato dal suo zio Carlos de Valois, che era colui che praticava davvero il potere, ha concesso il malcontento una serie di benefici con l’idea di collocare gli spiriti e dissolvere i campionati che erano stati formati contro di lui. Ha inviato commissionato in tutto il territorio con l’ordine di chiamare l’Assemblea Generale, in modo che le persone possano presentare le loro denunce prima del monarca; Durante sancire quegli ufficiali reali su cui sono stati fondati reclami. Ha anche concesso una serie di lettere e privilegi in Normandia, Borgogna, Champagne, Piccardia, Linguadoca, Auvergne e Bretagna; Così come al clero e alla nobiltà.

Tutta la politica di mantenimento della pace di Luis VIII è diminuita in occasione del conflitto avvenuta dalla successione del conte di Artois. Ancora una volta, tutti i nobili del malcontento hanno avuto l’opportunità di salire in armi. I ministri del re sono stati perseguitati e, un fatto importante, Carlos de Valois era dietro la rivolta, dal momento che era stato precedentemente deposto da suo nipote e sostituito, sia lui che altri principi di sangue, da un gruppo di legisziali e preferiti reali. L’opposizione di Carlos de Valois non ha affrontato il re, ma contro la persona di Engling Marigny, il principale ministro di Felipe IV, e che Carlos de Valois lo ha eseguito.

in politica estera, il breve regno di Luis VIII ha dato per poco. Nel 1315 iniziò una guerra contro le Fiandre, che non ha mai avuto luogo, dal momento che gli eserciti francesi dovevano ritirarsi prima di iniziare i combattimenti a causa delle inondazioni e delle malattie che hanno ridotto la truppa.

Luis VIII era molto re impopolare perché ha preso una serie di misure volte a recuperare l’economia del regno, ma dato che il suo breve regno non ha avuto il tempo di applicare correttamente. Ha evitato l’espulsione degli ebrei dal territorio francese, come mezzo per sostenere l’economia; Imposto un pesante sistema fiscale al popolo e tornò ai servi della corona il diritto di comprare la sua libertà.

Era sposato con Margarita de Borgoña, figlia di Roberto II di Borgogna, con chi lui Aveva una figlia chiamata Juana che era la regina di Navarra per il suo matrimonio con Felipe de Evux. Margarita è stata uccisa per ordine del re o Carlos de Valois stesso, al Castello di Gaillard Des Autyss. Del suo secondo matrimonio con la clemenza dell’Ungheria, figlia di Carlos Martel, re dell’Ungheria, aveva un figlio postumo, Juan I, che gli è successo sul trono, ma a causa della brevità della sua vita, dieci giorni, alcuni storici non lo hanno fatto avere tra i re della Francia. Felipe V è riuscito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *