Pierre Choders di Laclos

(Pierre-Ambroise-François Choderlos de Lachlos; Amiens, Francia, 1741 – Taranto, Italia, 1803) Scrittore francese che ha raggiunto la fama grazie al Rivedere le pericolose amicizie (1782), un lavoro che ha ottenuto un brillante successo e che avrebbe anche ricevuto numerose critiche. La sua analisi dell’ipocrisia del mondo e della società aristocratica del suo tempo, esposta attraverso la vita di Libertine Valmont e le sue relazioni erotiche con varie donne di alta nobiltà, non potevano apprezzare i suoi superiori, appartenenti alla stessa classe di satirizzare il romanzo.


Pierre Choders di Laclos

Nato in una famiglia che aveva appena asceso nella nobiltà, ci choder loro laclos entrò nel Artiglieria Scuola di La Fère e serviva come militare il resto della sua vita. Nel 1776 era ufficiale di Grenoble, ma il riconoscimento ricevuto dalle sue Attitudini militari e dal suo Spirito non potevano soddisfare le sue ambizioni. Laclos apparteneva alla piccola nobiltà provinciale che sotto il vecchio regime ha addestrato praticamente il proletariato dell’esercito, dove la prominenza e le posizioni più eccezionali sono state riservate per migliori ufficiali culle.

Senza trovare prospettive nell’esercito, ha iniziato a dedicarsi alla letteratura e Ernestine era rappresentato, con musica da Saint-Georges e Testo di Laclos. Sebbene il lavoro fosse un fallimento, non è stato scoraggiato, e nel 1782 ha pubblicato il libro che avrebbe fatto accadere la storia: amicizie o lettere pericolose raccolte e pubblicate per l’istruzione di altre società. Il romanzo, che supponeva un riconoscimento immediato, ha una forma epistolaria, con la seduzione e le sue conseguenze come un appezzamento di storia: un campione completo di analisi psicologica, è scritto in uno stile agile e vario che rivela la personalità di ciascuno dei personaggi attraverso il suo corrispondenza. Questa caratteristica, unita alla verosimiglianza dell’azione, renderla un capolavoro del genere.

I testi che ha concepito in seguito non ha avuto la stessa reception: Poesies FUGIVIVE (1783), il Trattato L’Éducation des Femmes, scritto nel 1785 e non pubblicato fino al 1903, e Scritto, scritto Lo stesso anno del suo matrimonio, 1786. Disilluso dal fallimento di questi tentativi, nel 1788 entrò nel servizio di Luis Felipe II di Orleans e accolto felicemente la rivoluzione francese. È diventato uno dei membri più attivi della fazione che ha formato l’uguaglianza Felipe (soprannome di Luis Felipe II di Orleans), composto dal malcontento e dai cospiratori del Regno. Nel 1790 entrò nel club dei Jacobins e ha diretto il Journal Des Jacobins.

Nel 1792, è stato nominato Governatore Generale dei Possedimenti della Francia in India, ma quattro mesi dopo andò a trovare le sue ossa in prigione, un posto che avrebbe visitato di nuovo in un’altra occasione; È stato rilasciato nel 1794 e fuggito da pochissimo per morire guillotificato. Fino al 1800 si è dedicato alla vita familiare, a cui Napoleone ammontava alla gamma di GRANDE GENERALE. Successivamente è stato nominato capo artiglieria a Napoli e morì di febbri durante l’assedio a Trento a Trento, nel 1803. Il destino di Laclos è il contrario di Bonaparte, autore di Le Souper di Beaucaire, che non brillava in letteratura ma era un grande esercito. Lo scrittore, d’altra parte, conquistatore e militare frustrato, ne aveva abbastanza da scrivere un singolo libro per occupare una posizione di prima fila nella storia della letteratura.

Come citare questo articolo:
Ruiza, M., Fernández, T. e Tamaro, E. (2004). . In biografie e vite. L’enciclopedia biografica online. Barcellona, Spagna). Recuperato da lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *