Raccomandazioni del libro

a hazel piace leggere libri pretenziosi e guardare telebases, leggere Poesia e sonno (ha anche la scusa che è buona per il cancro) e vorrebbe che i tuoi polmoni funzionino come polmoni normali. Sua madre crede che sia depressa, così inizia ad andare in un gruppo di sostegno ogni mercoledì. Sebbene, in realtà, non c’è niente di più deprimente di un gruppo in cui ogni giorno l’elenco dei colleghi per cosa pregare è più lungo. Precisamente il giorno in cui ha incontrato Augusto Waters, è stato il giorno in cui è quasi riuscito a saltare per stare a guardare una maratona del prossimo modello superiore dell’America.

La prima cosa che pensava alle acque Augustus, per me ne neghino Era che fosse molto bello. Anche se con una personalità come travolgente come il suo, il suo fisico è appena uscito. È carismatico, loquace, divertente, come metafore e filosofare, e sembra sempre sapere cosa dire. Ero nel gruppo di supporto che accompagna un amico, anche se aveva anche avuto il cancro. Hazel Lese il libro preferito di Augusto, Augusto ha letto il libro preferito di Hazeel e il resto, come dice, è storia. Anche se in questo caso è una storia così particolare come i suoi protagonisti, che inizia quando Gus cerca di individuare l’autore del Libro preferito di Hazel e continua mentre entrambi tentano di ignorare il fantasma della sua malattia.

i Non andare a te ingannare: sotto la stessa stella è un libro sul cancro, perché tutti i suoi personaggi soffrono della malattia direttamente o indirettamente, ma non è un “libro sul cancro”, perché non cade negli argomenti tipici il genere. È un libro con cui ride più che piangere, questo ti fa riflettere di più sulla vita che sulla morte, che non idealizza la malattia o glorifica le sue vittime, che non approfondiscono in momenti cattivi e allo stesso tempo è profondamente in movimento .

La storia è interessante, ma il grande successo di John Green (a parte la creazione di due fantastici protagonisti) è l’approccio che gli dà. La narrazione è agile e geniale, ed è piena di sarcasmi e commenti politicamente errati. Ci sono momenti di abbastanza complessità, sia letteraria che filosofica, che non rallentano la lettura (sceglierai già ogni lettore quanto tempo da dedicare ai pensieri dell’autore). John Green non sweelee la realtà dei protagonisti per compiacere il lettore, e la franchezza con cui è il soggetto è precisamente uno dei suoi grandi trionfi.

Potremmo continuare a puntare le virtù del romanzo e scrivere Una recensione Il doppio non è più che è, ma lasciamo così questo: sotto la stessa stella è il libro che dai quando vuoi colpire, il romanzo che consigli quando vuoi dimostrare che la letteratura della gioventù ha una qualità, e uno di quelli Pochi libri che vuoi rileggere (probabilmente più subito) perché è così straordinario che è difficile da credere, e tu sai che con ogni riletto sarai sorpreso dal tuo genio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *