Rilevano immensi tubi di lava sulla luna che potrebbero servire da rifugio per gli umani

il sistema radar slene, una sonda spaziale giapponese che nel 2009 ha avuto ideata in modo controllato sulla superficie lunare, è stata concepita Per studiare le origini della Luna e la sua evoluzione geologica, ma l’analisi dei dati ottenuti ha anche permesso di rilevare i tubi di lava sottostanti che potrebbero essere utilizzati “come rifugi sicuri per gli umani e per i loro strumenti”, come squadra propone di scienziati giapponesi In uno studio pubblicato in lettere di ricerca geofisica.

tubi di lava sono grotte vulcaniche che di solito hanno una forma del tunnel. L’Università Purdue (Stati Uniti), che ha anche partecipato allo studio, ha spiegato ieri in una dichiarazione che i tubi Lava esistono sul nostro pianeta, ma sulla luna sono molto più grandi. Per un tubo vulcanico da rilevare con i dati di gravità, come è stato il caso in questa ricerca, questo dovrebbe avere diversi chilometri di lunghezza e, almeno un chilometro di altezza e larghezza, il che significa che il tubo vulcanico scoperto nel Marius La regione delle colline è abbastanza spaziosa da ospitare una delle più grandi città degli Stati Uniti, se i dati di gravità sono corretti.

La luna non ha un’atmosfera o campo magnetico che può proteggere i suoi abitanti

nessuno è stato sulla luna per più di tre giorni, specialmente perché i costumi spaziali non sono sufficienti per proteggere gli astronauti Dall’elementi: variazione di temperatura estrema, radiazione e impatto meteoritario. A differenza della Terra, la luna non ha un’atmosfera o un campo magnetico che può proteggere i suoi potenziali abitanti. Pertanto, e secondo lo studio, il posto più sicuro per cercare un rifugio è l’interno di un tubo vulcanico intatto. “Se costruiremo una base lunare è importante sapere dove sono e come sono di grandi tubi Lava Lava”, afferma Junichi Haruyama, un capo investigatore dell’Agenzia Giapponese dell’esplorazione aerospaziale (Jaxa). “Conoscere queste cose è anche importante per la scienza di base, potremmo raccogliere nuovi tipi di campioni di roccia e informazioni sul flusso termico e sulle informazioni di Lunarismas”, afferma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *