Sai come distinguere tra una fotocamera stradale e un radar, e cos’è per ciascuno?

Tutti hanno mai speso, portandoci uno spavento (invano) quando si pensa che ciò che era sotto quel semaforo era un radar e si rendeva conto che eravamo un po ‘più leggero del controllo. Ma poi ci pensi e nessun flash o foto, né bene che torna a casa. Forse quello che hai attraversato non era un cinemometro, ma una macchina fotografica del traffico.

Durante le nostre strade possiamo trovare diversi dispositivi, sia nelle autostrade che in una città, la cui intenzione è di aumentare la sicurezza stradale di tutti coloro che guidano . Pertanto, ci possono essere installati radar, camere del traffico, piccole stazioni meteorologiche e persino scatole vuote (preparate per un radar futuro).

La domanda è, sappiamo come distinguere l’un l’altro e identificare ciò che sono per? La prima differenza che deve essere riconosciuta è quella tra radar e camera del traffico. Oltre a che la DGT aggiorna costantemente la sua lista di cinematometri fissi e mobili, in modo da poter consultare la tua posizione per confonderli, le camere del traffico sono solitamente bianche e nere, con una forma rotonda, mentre i radar hanno una forma più rettangolare.

Queste telecamere sono posizionate su lampade da strada o passerelle e servono a controllare il volume del traffico o contare il numero di veicoli che attraversano una certa strada per un periodo di tempo. Negli stessi luoghi, possono essere piazzate piccole stazioni meteorologiche, che, alimentate da un pannello solare, possono provocare errori.

Infine, un terzo elemento che può portare agli errori è il lettore di targa, di solito, vicino ai pedaggi o agli ingressi di parcheggio. È in questi primi siti dove possono causare una maggiore confusione, ma calma, che sebbene sembrano i radar che non vanno bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *