Trigliceridi, fattore di rischio cardiovascolare come LDL – Doctor Interactive

Le lipoproteine più ricche dei trigliceridi sono i quylomicron che trasportano il grasso dalla dieta e le lipoproteine della densità molto bassa (VLDL) sintetizzata dal fegato. L’aumento dei trigliceridi può essere dovuto all’aumento dei chilomicroni sierici. È una dislipidemia che non è aterogenetica e il cui principale rischio è la pancreatite acuta. Dovrebbe essere preso in considerazione se la sua elevazione è dovuta ad un aumento della produzione di fegato di grande VLDL, dei trigliceridi ricchi, come in caso di obesità addominale, resistenza all’insulina, sindrome da insulina, sindrome metabolica e diabete, poiché sarà accompagnato da un aumento di piccoli e densi LDLS. Questi sono scarsi nel colesterolo, ma molto aterogenico. Inoltre, è necessario tenere conto della riduzione dell’HDL e dei cambiamenti nella loro composizione e della riduzione della loro capacità funzionale per estrarre il colesterolo e i lipidi del tessuto.

In questo contesto, si deve dire che i trigliceridi sono Un fattore di rischio cardiovascolare come LDL. Si trova un normale valore di trigliceridi quando il livello è inferiore a 150 mg / dl e molto alto quando è maggiore di 500 mg / dl.

valori ottimi

in pazienti con figure trigliceridi molto elevati, aumenta il rischio di pancreatite, l’HTG è la causa del 10% dei casi. Una singola soglia della concentrazione di trigliceridi non è stata stabilita al di sopra del quale può verificarsi una pancreatite. È stato definito sopra 1.000 mg / dl. Tuttavia, i livelli di trigliceridi al di sopra del quale possono verificarsi una pancreatite può superare i 2.000 mg / dl.

il trattamento iniziale di questi pazienti deve essere diretto a cambiamenti nello stile di vita. Ridurre il peso nei pazienti obesi e il semplice consumo di carboidrati. Inoltre, la riduzione del consumo di alcol, l’esercizio fisico e l’abbandono del consumo di tabacco sono il primo passo nel trattamento del paziente con ipertrigyceridemia.

Controllare gli effetti indesiderati

Se necessario, se necessario, avviare il trattamento farmacologico Per evitare il rischio di pancreatite, i farmaci che sono stati utilizzati nell’ipertrigyceridemia, poiché quelli decrescenti con declino dei livelli di sangue triglicerided, sono stati principalmente fibrati, acidi grassi omega-3 e acido nicotinico.

diverse meta-analisi su L’effetto dei fibrati nel profilo lipidico e nella prevenzione degli eventi cardiovascolari sono stati pubblicati. Le prove mostrano che i fibrati sono considerati il trattamento farmacologico più appropriato, poiché hanno dimostrato di produrre una significativa riduzione dei trigliceridi. Inoltre, l’uso di fibrati, soprattutto nel trattamento della dislipemia aterogenetica, con bassi livelli di C-HDL, TG e piccole e dense particelle C-LDL, è anche raccomandato. Un’altra alternativa al trattamento dell’ipertriglyeridemia sono acidi grassi omega-3, quando il paziente è intollerante ai fibrati. Tuttavia, non hanno dimostrato una diminuzione del rischio di eventi cardiovascolari o mortalità totale.

Inoltre, può essere scelto da acido nicotinico, che può ridurre i livelli del sangue di trigliceridi dal 15% a un 25%. Effetti collaterali, fondamentalmente i flash caldi, hanno limitato il loro uso nella pratica clinica. Va tenuto presente che nello studio del CPD, il 57% dei pazienti non ha fatto un buon completamento del trattamento.

Per la preparazione di questo articolo, la collaborazione dei medici Juan Moguizo Rodríguez è stata contati ., Eva Sánchez Jiménez, Antonio Beautiful Sage, Raimundo Nasrawin Lapaz, Sergio Hernández Alfonso, Fernando Díaz Hidalgo, Antonio Garcia Pedrosa, Antonio Morillas, María Mar Ferrer Frias, Patricia Carrion Maroto, Manuel Sánchez Díaz, Renato Castilla Rueda, Javier Luño Comps, Mabel Tavarez Durán, Lourdes de la Rosa ed Eduard Asdrúbal del Rosario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *